Pontificie Opere Missionarie Ufficio Cooperazione tra le Chiese
  • Missio
  • Giovani
  • Ragazzi
  • Famiglie
  • Consacrati
Cerca sul sito Missio
Logo Missio Famiglie
Home Contatti Agenda Download Links
Facebook
Facebook
Facebook
Facebook
Chi siamoSussidiMissionari MartiriMissio DiarioLa StradaAppuntamenti
Missio Diario Versione di stampa Inserisci post Genera PDF Condividi questo articolo
VEDI TUTTE/I MISSIO DIARIO
CAROVANA MISSIONARIA DELLA PACE 2012
Pubblicato il: Mercoledi, 26 Settembre 2012 10:47:20
 
Si è svolta quest'anno la Carovana Missionaria della Pace 2012, nella Regione Campania.
Le tappe finali si sono svolte dal 25 al 30 settembre, ecco i luoghi
:
Pozzuoli, Castelvolturno, Caserta, Senerchia, Eboli, Napoli (rioni Scampia e Sanità).

Gli scritti completi sono disponibili:
Prima tappa (clicca qui)
Seconda tappa (clicca qui)
Terza tappa (clicca qui)
Quarta tappa (clicca qui)
Ultima tappa (clicca qui)

Per il riferimento al brano di vangelo Mt 25,31-41 (clicca qui)
la citazione della Carta Mondiale dei Migranti (clicca qui).


Riportiamo uno stralcio della prima pagina di diario:

<<E’ cominciata ieri la Carovana Missionaria della Pace 2012. Dopo il raduno in stazione centrale a Napoli, abbiamo preso il bus che ci ha condotto a Pozzuoli presso le suore del PIME, che ci hanno accolto calorosamente. Dopo il pranzo ci siamo recati al Centro Missionario Diocesano San Marco, che ospita realtà territoriali tra cui spicca la nascente “Officina Donna Nuova” che si occupa del recupero delle donne detenute nel carcere femminile di Pozzuoli coinvolte in laboratori di bigiotteria e altro, al fine di stimolare la loro creatività.
La Carovana di quest’anno è sostenuta dagli istituti missionari italiani maschili e femminili, dai CMD campani, Missio e la rete interdiocesana dei Nuovi Stili di Vita.
Oggi 26 settembre, nella mattinata, la carovana ha proseguito il suo percorso da Pozzuoli a Castelvolturno, dove al centro Fernandes siamo stati accolti dal direttore della Migrantes dell’arcidiocesi di Capua e dal direttore del centro stesso. Inizialmente istituita per ospitare bambini, la struttura successivamente si è trasformata per venire incontro all’emergenza immigrati sotto l’ottica dell’accoglienza e dell’integrazione fortemente voluta dall’amatissimo monsignor Bruno Schettino,  improvvisamente scomparso alcuni giorni orsono.
Infine Padre Claudio Gasbarro, Comboniano, ha messo in luce come negli ultimi dodici anni il centro si sia intensamente mobilitato per facilitare l’integrazione di tanti africani in difficoltà.>>

...dell'ultima pagina:

<< Il nostro ultimo pomeriggio trascorso in carovana ci ha visti  coinvolti nella tavola rotonda “Napoli, la speranza che cammina”.
Padre Alex Zanotelli, nel presentare la carovana, ha ribadito l’importanza di essere non solo per noi, ma per tutti, un ‘popolo in cammino’, come dice Gesù: “Viandanti sulla strada”. Tema fondamentale è ancora una volta la speranza, che in questa occasione anima delle persone che stanno contribuendo alla rigenerazione del Rione Sanità, storico quartiere di Napoli che diede i natali al famoso Totò.
Rigenerazione che si respira anche al centro La Tenda, che ha ospitato l’incontro, gestito da don Antonio Vitiello. Don Antonio accoglie al centro decine di senza fissa dimora al giorno, offrendo loro un pasto e un luogo dove stare.
Esemplare poi la testimonianza di molti volontari impegnati sul territorio.
La cooperativa La Paranza  che valorizza i siti storici del rione incrementando il turismo e creando opportunità di lavoro per i giovani. Il Last minute Market recupera dai supermercati prodotti in scadenza per poi distribuirli ai poveri; il Microcredito in collaborazione con Banca Etica aiuta l’avvio di piccole attività.
Di grande importanza gli interventi di padre Alex Zanotelli e della coordinatrice regionale del comitato dell’acqua, sul problema dei rifiuti tossici e sulla questione dell’acqua come bene comune.
Nola, Marigliano e Acerra: il cosiddetto triangolo della morte per la grande quantità di rifiuti qui sotterrati o bruciati con conseguenze disastrose per l’ambiente e la salute delle persone della zona. Tutto questo  per volontà  di imprenditori in accordo con la camorra, per evitare il riciclaggio e uno smaltimento adeguato dei rifiuti tossici. Smaltimento che richiede dei processi costosi.

[...]
Denso di significato è l’invio che noi carovanieri abbiamo ricevuto da parte dei sacerdoti e di tutta l’assemblea. Invio che ci ha visto promettere di essere testimoni di un nuovo stile di vita per il rispetto dei fratelli più poveri e della Madre Terra.
[...]
Parlate bene di noi perché ne abbiamo bisogno”, il grido che molti Campani ci hanno rivolto in questa settimana itinerante.
La Carovana Missionaria della Pace è finita e ritornando a casa con un cuore colmo di vita piena e bella, salutiamo la bella Campania ringraziando il Padre per i giorni qui trascorsi; Lo preghiamo affinché questo spirito missionario rimanga con noi perché ora che tutto è finito, ci rendiamo conto che in verità la Carovana Missionaria della Pace è appena cominciata. >>



Con queste parole di speranza e slancio, riprendiamo il nostro cammino di cristiani sulle strade del mondo nella nostra quotidianità, con l'intento fedele della testimonianza gioiosa.

 

 
Versione di stampa Inserisci post Genera PDF Condividi questo articolo
Non ci sono commenti inseriti per questo contenuto.
 
VideoFotoRiviste
Galleria foto  
 
Galleria video  
 
Privacy | Copyright 2017 Fondazione Missio - Tutti i diritti riservati | C.F. 97366380588 Realizzato da: SynusMedialab
 
Missio Giovani
Cerca sul sito Missio
NewsletterFacebookSkypeYoutube
 
Giovani
Missio
Ragazzi
Famiglie
Consacrati
Altro