Pontificie Opere Missionarie Ufficio Cooperazione tra le Chiese
  • Missio
  • Giovani
  • Ragazzi
  • Famiglie
  • Consacrati
Cerca sul sito Missio
Logo Missio Famiglie
Home Contatti Agenda Download Links
Facebook
Facebook
Facebook
Facebook
Chi siamoSussidiMissionari MartiriMissio DiarioLa StradaAppuntamenti
Missio Diario Versione di stampa Inserisci post Genera PDF Condividi questo articolo
VEDI TUTTE/I MISSIO DIARIO
CO.MI.GI.
Pubblicato il: Lunedi, 28 Maggio 2012 08:24:45
 

La parola ai partecipanti del Convegno Missionario Giovanile!

Claudia Gugliemi del centro missionario di Padova

Carissimi,posso condividere con voi l’impressione che ho avuto? Il CoMiGi 2012 è stato “preparato” proprio bene: pensato nel percorso, nei relatori, nell’animazione…Certo le persone che avete invitato sono state davvero straordinarie; penso a p. Claudio, Luca, Maria Soave, d. Amedeo….tutti! e penso anche agli animatori: fenomenali! Ciascuno con la sua potenza è stato importante e determinante ma si percepiva che a monte c’era un’idea e una struttura pensata e curata nel tempo. Bravi!L’effetto di entusiasmo, gioia, carica…è tipico dei giovani e a loro basta poco per far scatenare la festa.Ma lì c’era di più: c’era Gesù presente. È stato emozionante vedere come i giovani hanno saputo “ascoltare” intensamente tutti: chi cantava e scherzava come chi proponeva riflessioni e stimoli a volte davvero “alti”. Il lavoro nei laboratori poi è stato importante perché ha permesso loro prima di tutto di scegliere un tema su cui riflettere e poi di mettersi in gioco, di parlare della propria vita, di confrontarsi con altri, di scrutare se e come Gesù “c-entra” in tutta questa VITA….Mica facile né scontato in questa era delle comunicazioni spot e delle “maschere” a basso prezzo. Immagino che alcuni fossero lì solo per curiosità, per conoscere nuove persone, perché trascinati da altri, per mille altre ragioni (e comunque chissà quanti miracoli porterà questo incontro anche a loro). Ma molti altri erano lì convinti di voler mettersi in ascolto di quello che la missione può dire alla loro vita, alla loro professione, ai loro sogni. Ero nel laboratorio della sofferenza e mi ha colpito sentire le motivazioni per cui molti di loro lo avevano scelto: perché hanno a cuore quello che sono e che fanno e soprattutto il “come” lo fanno. Perché si può essere medici, fisioterapisti, assistenti sociali, figli e genitori, mariti e mogli, preti e suore… efficientissimi ma è l’amore e la motivazione che si mette in quello che si è che fa la differenza.

E la sensazione è che molti dei giovani presenti fossero al CoMiGi perché credono e cercano questa differenza di stile, di motivazioni, di vita.  Giovani che non si accontentano di sopravvivere ma che cercano la vita piena promessa ….“Perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10,10)
E poi la dimensione di incontro di realtà missionarie così diverse sul nostro territorio è stato certamente arricchente.
Penso a chi era presente come gruppo attivo, ben animato e strutturato, legato magari a un CMD o ad un istituto missionario e quindi con un carisma ed un forte spirito di famiglia.
E penso a chi arrivava invece da realtà dove l’attività missionaria è difesa a denti stretti da pochi straordinari giovani che non si fanno scoraggiare dai piccoli numeri o dalle tante difficoltà che spesso incontrano davanti ad ogni piccola proposta che fanno.
E chi può dire, ammesso che abbia senso dirlo, in quale realtà ci sia più convinzione, più forza, più carica, più entusiasmo?
Il riconoscere che esistono tutte queste realtà non può che stimolarci tutti e reciprocamente a non dare per scontato nulla, a riconoscere e ringraziare per ogni piccola o grande opportunità che abbiamo, a sentirci sempre non solo responsabili gli uni degli altri ma anche “bisognosi” gli uni degli altri.
Al St Martin, in Kenya, ci si ripete spesso che : “Nessuno è così ricco da non avere bisogno di qualcosa dagli altri - Nessuno è così povero da non avere nulla da dare agli altri”
Ancora una volta è dalla missione che ci arriva una lezione di vita.
Ancora una volta i piccoli, i poveri, ci sono maestri di vita.
Spero che Pietro, il grande ospite del CoMiGi 2012, continui ad aiutarci tutti a metterci ogni tanto “a testa in giù a guardare le formiche negli occhi”.
Non è questo in fondo… “missione”?
GRAZIE: ci avete offerto proprio una grande occasione!
Un abbraccio a tutti e a ciascuno di voi in particolare, cari giovani con la missione nel cuore!

 Claudia Guglielmi,centro missionario diocesano Padova


Rocco Negri
Carissime amiche e amici,ci siamo salutati da poche ore e voglio condividere con voi le emozioni di questi giorni.  La prima sera quando mi hanno chiamato a salire sul palco ero molto inquieto... Eppure solo alcuni anni fa, quasi sempre ero chiamato a prendere la parola davanti a tanti giovani e raccontavo la gioia e le provocazioni che erano sorte dagli incontri che avevo vissuto qualche giorno prima qua e la nel mondo... incontri fatti nelle periferie più misere, nelle diocesi con la freschezza dei gruppi giovanili  e nei più istituzionali convegni della chiesa italiana. L’incontro con tante donne e uomini, missionarie e missionari del Padre è stato per me sempre motivo di grande ricchezza, essi sono stati sempre per me la realizzazione di quell’annuncio delle prime ore di Pasqua “Egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete, come vi ha detto” (Mc16,7).
La prima sera pero sono venuto al CoMiGi poche ore dopo aver lasciato il mio lavoro in un laboratorio di analisi cliniche, dopo aver lasciato quel mondo della sofferenza sul quale molti di voi in questi giorni si sono confrontati. E allora salito su quel palco mi chiedevo e oggi che gli racconto? E allora ho scelto questo proverbio “Se vuoi arrivare primo corri da solo; se vuoi arrivare lontano, cammina insieme” che per me è un nuovo stile di vita perchè penso che qualunque cosa siamo chiamati a fare dobbiamo sempre rendere conto della Speranza che è in noi che è uno speranza di unità, di camminare insieme agli altri così come essi sono! Qualche volta correremo epr stare al loro passo, qualche volta dovremmo rallentarlo ma avremo la certezza che andremo lontano!
E allora alla conclusione del CoMiGi ecco l’augurio più belo che mi sento di farvi: Girate, conoscete, incontrate, lasciate il cenacolo ormai sventrato ma nell’andare imparate a STARE e in quello stare continuando a restare sempre discepoli del Maestro lasciamoci guidare dallo Spirito per essere TESTIMONI. Altrimenti il rischio sarà quello di passare di città in città, di campo in campo di comigi in comigi senza esserci fatti trasformare dall’incontro con lo STRANIERO con il quale abbiamo fatto insieme la strada della nostra vita, con il quale ci siamo fatti pane spezzato e sangue versato.
Il mondo della nostra quotidianità ci attende, non è certamento un caso che il luogo dell’incontro di questi giorni sia stata una tenda... oggi siamo chiamati a smontarla perchè come diceva una canzone, parafrasando il brano della Trasfigurazione, “il vostro posto è la, la in mezzo a loro, l’amore che vi ho dato portatelo nel mondo”.

Partendo ognuno di voi mi ha dato un augurio, un impegno, una provocazione x poter essere testimone, io sono partito dal CoMiGi, tra poche ore toccherà a voi e allora ricordiamoci sempre di rivolgere un invito , quel primo invito che ho letto nella casa dei Missionari Saveriani di Salerno la prima volta che sono andato da loro, un invito che apre una prospettiva nuova di testimonianza... noi partiamo, TU NON RESTARE!
Rocco Negri, ex segretario Missio Giovani

Ezio ed Emma
La testimonianza  di Ezio del cmd di Padova, clicca qui

La testimonianza di Emma del cmd di Padova, clicca qui

 
Versione di stampa Inserisci post Genera PDF Condividi questo articolo
giulia
Ciao sorella
  Un saluto a tutti i comigesi, un saluto particolare ai salentini! Ciao sorella!! :)
  Scrivi il tuo commento Inserisci il tuo commento
 
Daniela-Puglia
Il Comigi
  Il Co.Mi.esperienza unica!Da fare se ci si vule ricaricare e dare nuovo slancio al proprio servizio.
  Scrivi il tuo commento Inserisci il tuo commento
 
Sara Rese
Comigi
  per giorni la gioia ha invaso tutto di me.. č stata un'esperienza di vita, di speranza di unionee
  Scrivi il tuo commento Inserisci il tuo commento
 
 
VideoFotoRiviste
Galleria foto  
CONVEGNO MISSIONARIO GIOVANILE...
Le foto del Convegno Missionario Giovanile tenutosi a Frascati...
 
Galleria video  
L'INNO DEL COMIGI ALLA MESSA...
L'inno del Convegno Missionario Giovanile di Frascati tenutosi...
PADRE MARIO BARTOLINI E I...
Il servizio  del TG di Tv2000 di Maurizio Di Schino  sul Convegno...
LA PARABOLA DI PIETRO...L'INNO...
L'inno  del Convegno Missionario Giovanile 2012  sul tema dell'Evento...
 
Privacy | Copyright 2017 Fondazione Missio - Tutti i diritti riservati | C.F. 97366380588 Realizzato da: SynusMedialab
 
Missio Giovani
Cerca sul sito Missio
NewsletterFacebookSkypeYoutube
 
Giovani
Missio
Ragazzi
Famiglie
Consacrati
Altro